Pulizia e cura del parquet

PULIZIA E CURA DEL PARQUET

Il parquet è un tipo di rifinitura organica e delicata, che richiede molta manutenzione. Prima di commettere errori nella scelta di prodotti e tecniche per la pulizia del parquet, occorre identificare il tipo di finitura:

  • verniciato: se il pavimento è verniciato, il legno è stato protetto con una apposita vernice trasparente (lucida o meno) e quindi è totalmente impermeabile all’acqua.
  • Naturale:  se il pavimento è naturale il legno viene posato ma non verniciato, quindi la superficie appare rugosa, disomogenea e con le venature a vista. E’ più delicato perché esposto alla polvere e alle macchie. Il parquet in legno naturale deve essere nutrito con oli specifici che simulino la resina originale e protetto superficialmente con cere che prevengano l’assorbimento di macchie e polvere
  • Finito ad olio: La finitura ad olio permette di assecondare al massimo la natura del legno: l’olio, infatti, penetra nella fibra legnosa e la protegge dall’interno senza alterarne in alcun modo l’estetica.

Per curare il parquet bisogna rispettare le istruzioni di manutenzione presenti nel certificato di acquisto ed utilizzare prodotti indicati e specifici. Il parquet, oltre che con una semplice soluzione di acqua e aceto di vino bianco, può essere trattato con detergenti ad hoc.

Vi schematizziamo l’operazione di pulizia del parquet in 3 semplici fasi:

  • Eliminazione della polvere dalla superficie impiegando un panno asciutto elettrostatico oppure l’aspirapolvere.
  • Lavaggio della superficie con un panno umido, imbevuto con una soluzione di acqua e aceto/limone, o prodotti chimici specifici.
  • Asciugatura, tramite l’apertura delle finestre della stanza.

LUCIDATURA DEL PARQUET

  • Prima di lucidare il parquet effettuate una pulizia accurata della superficie: rimuovete ogni traccia di polvere e lavate il parquet con il classico mocio imbevuto e ben strizzato.
  • Non usate alcun detergente chimico, limitatevi a diluire nell’acqua per il mocio, un paio di bicchierini di aceto. L’aceto è un ottimo sgrassante naturale. In alternativa all’aceto, come premesso, potete impiegare del succo di limone.
  • Quando il pavimento si sarà asciugato completamente, per lucidare il parquet, il trucco consiste ancora una volta nell’uso dell’olio d’oliva. Prendete un panno asciutto di lana, imbevetelo con qualche goccia di olio d’oliva (non molto, il tanto che basta per lucidare senza imbrattare la superficie) e passatelo su tutto il parquet.

APPLICAZIONE CERA SUL PARQUET

  • La scelta del tipo di cera da applicare dipende dal tipo di parquet e dall’effetto che si vuole ottenere, lucido oppure opaco,
  • la cera si passa ogni 3-6 mesi e si deve rimuovere con un decerante ogni 2 anni, per evitare l’accumulo e quindi la comparsa di zone opache.

DISINFETTARE IL PAVIMENTO IN PARQUET

Se non vi accontentate della semplice acqua o di una soluzione data da acqua e aceto, potete aggiungere sul panno in microfibra qualche goccia di olio essenziale. Gli oli essenziali possono svolgere un’azione di disinfettante naturale e lasceranno sul pavimento un gradevole profumo.

ELIMINAZIONE MACCHIE DAL PARQUET

Se sul parquet vi sono segni lasciati da scarpe e sedie (striature), potete provare a rimuoverli sfruttando il bicarbonato di sodio.  Aggiungete del bicarbonato di sodio nei punti interessati e infine spruzzate una soluzione data da acqua e aceto al 50%. Lasciate agire per un paio di minuti e passate uno strofinaccio o una spugnetta (non abrasiva) per rimuovere ogni segno.